Come l'automazione e l'AI possono essere usate per migliorare la resilienza del business di oggi


Come ha osservato un recente articolo su CIO.com, la pandemia "ha visto un interesse accelerato per l'automazione dei processi, dato che le organizzazioni si sono affrettate a rivedere i processi aziendali e a raddoppiare le trasformazioni digitali in risposta alle interruzioni causate dalla COVID-19. E per i leader IT che stanno entrando o sono già immersi in questi sforzi di modernizzazione, l'intelligenza artificiale - principalmente sotto forma di apprendimento automatico - ha la promessa di rivoluzionare l'automazione, spingendoli più vicini ai loro sogni di automazione dei processi end-to-end".
 
Automazione e intelligenza artificiale (AI): La combinazione di queste due tecnologie trasformative ha fatto sì che i leader IT abbiano messo gli occhi su alcuni obiettivi piuttosto alti. Il leader dell'automazione dei processi robotici UiPath ha caratterizzato RPA e AI come "due delle tecnologie più trasformative che il mondo abbia mai conosciuto. Ma riunire l'AI e la RPA scatena ancora di più il loro potenziale".
 
Mentre potrebbe volerci un po' di tempo perché i sogni di "automazione dei processi end-to-end" si avverino, un lavoro importante per portare insieme automazione e AI è già in corso. Quindi, come possono l'automazione e l'IA essere usate per migliorare la resilienza del business oggi? Per alcune risposte, ci siamo rivolti ai membri dell'IDG Influencer Network, una comunità di analisti del settore, professionisti IT e giornalisti.
 
Mentre i loro punti di vista erano vari, Isaac Sacolick (@nyike), presidente di StarCIO, autore di bestseller e influencer della trasformazione digitale, ha parlato a nome di molti quando ha detto: "Per essere resilienti oggi, le operazioni hanno bisogno di un nuovo playbook per sostenere gli obiettivi di livello di servizio richiesti, elaborare intuizioni dalle complessità dei dati e consentire ai dipendenti di concentrarsi sulle esperienze dei clienti e sulla crescita. Questo manuale deve includere l'AI e l'apprendimento automatico per elaborare i dati, fare previsioni e aiutare gli esperti in materia a prendere decisioni informate, liberando il tempo delle persone attraverso l'automazione di compiti ripetibili".
 
Come molti degli influencer, Frank Cutitta (@fcutitta), CEO e fondatore di HealthTech Decisions Lab, ha detto che lo scompiglio causato dalla pandemia ha reso il processo decisionale automatizzato informato più difficile che mai.
 
"Il termine 'nuova normalità' implica che un certo senso di stabilità è in arrivo", ha notato. Ma sapere cosa sarà questo normale richiederà analisi che attingono a un numero esponenziale di nuove situazioni "what-if" guidate da una moltitudine di fattori come i regolamenti governativi, una forza lavoro distribuita e restrizioni di salute pubblica. Mentre la resilienza dovrebbe essere un obiettivo chiave, la prossima generazione di automazione e AI si concentrerà sulle complessità dell'"anti-fragilità" delle cose che non solo guadagnano dal caos ma ne hanno bisogno per sopravvivere e prosperare. Prosperare sul caos non è un talento prolifico tra gli umani, quindi ci affideremo sempre più alla tecnologia per sfruttarlo e trarne un vantaggio competitivo."
 
"Nell'ultimo anno con COVID-19 abbiamo tutti sperimentato un sacco di problemi", ha aggiunto Jeff Kagan (@jeffkagan), un analista wireless. "Ora, mentre usciamo dalla pandemia, stiamo sperimentando nuovi problemi. Far tornare i lavoratori in ufficio, per esempio. Le nuove tecnologie come l'automazione e l'AI possono essere utilizzate per rafforzare le aree deboli che ogni azienda affronta. La tecnologia non si ammala e si presenta sempre al lavoro ogni giorno. A causa di questo fatto, vedo l'automazione e l'IA continuare a crescere".
 
Scott Schober (@ScottBVS), Presidente e CEO di Berkeley Varitronics Systems Inc. ha osservato che, con le economie che si spostano quotidianamente in risposta alle sfide pandemiche, l'unica certezza è che nulla è certo in questi tempi.
 
"Le aziende devono essere a prova di futuro sfruttando le tecnologie emergenti", ha detto. "Se usate in modo etico e ponderato, l'automazione e l'IA sono una potente combinazione che può costruire la resilienza del business e mitigare il rischio. In così tante verticali, gli esseri umani sono sia il problema che la soluzione, e qui non è diverso. Quindi le aziende hanno bisogno di rimuovere l'elemento umano per i compiti ripetitivi e che normalmente richiedono tempo per fare spazio alle economie di scala dell'AI. Allo stesso modo, impiegare il capitale umano dove l'IA non riesce a utilizzare l'intuizione e l'immaginazione è vitale per le industrie globali. Questo delicato passaggio di consegne dall'IA ai lavoratori umani deve essere monitorato e regolato come necessario al fine di rimanere competitivi in una posizione di mercato dominante".
 
La necessità di prendere decisioni immediate è stata notata anche da Alvin Foo (@alvinfoo), co-fondatore di DAOventures.
 
"L'automazione e l'intelligenza artificiale significherà che più decisioni saranno prese senza la necessità di un intervento umano", ha detto. "Gli esseri umani sono spesso l'anello debole in quanto devono capire le informazioni, bilanciare i giudizi, prendere decisioni e poi essere pronti ad agire rapidamente quando l'evento si svolge. In futuro, gran parte di questo processo decisionale immediato sarà fatto dalle macchine, migliorando così esponenzialmente la resilienza del business".
 
Larry Larmeu (@LarryLarmeu), un leader della tecnologia aziendale, ha detto che quando la gente pensa alla resilienza operativa generalmente pensa a sistemi, applicazioni e infrastrutture.
 
"Ma più i vostri processi sono manuali, più dipendete dall'intervento umano per portare avanti il lavoro", ha continuato. "Usando l'automazione e l'IA per ridurre la dipendenza dalle persone nei processi operativi, potete aumentare la vostra resilienza, diminuire il rischio e ridurre i costi. Questo permette anche di riassegnare preziosi esperti in materia a posizioni in cui possono usare la loro conoscenza ed esperienza per migliorare i processi esistenti e trovare nuovi modi per differenziarsi dalla concorrenza".
 
 

Rafforzare il disaster recovery

Diversi influencer hanno citato il ruolo chiave che l'automazione e l'IA possono svolgere nel rafforzare la pianificazione e le capacità di disaster recovery.
 
"I CIO dovrebbero urgentemente fare uso di automazione e AI per garantire la migrazione del cloud e politiche efficaci di disaster recovery", ha detto Elitsa Krumova (@Eli_Krumova), un influencer tecnologico. "L'adozione dell'automazione intelligente e dell'automazione dei processi robotici dovrebbe essere l'obiettivo principale per i CIO nell'attuale situazione instabile. L'implementazione di soluzioni di disaster recovery e l'assicurazione della gestione dei disastri, a mio parere, dovrebbe anche essere una priorità assoluta per i CIO nel 2021."
 
"Una funzionalità centrale della resilienza aziendale richiede il test delle proprie politiche e procedure di disaster recovery", ha detto Jason James (@itlinchpin), il CIO di Net Health. "L'automazione può essere utilizzata per costruire quegli ambienti di disaster recovery e per testare quegli ambienti per garantire che siano disponibili e pronti in caso di disastro".
 
"L'automazione sta indubbiamente giocando un ruolo per supportare il backup, il ripristino e le attività operative correlate negli ambienti cloud ibridi di oggi", ha aggiunto Will Kelly (@willkelly), responsabile del marketing tecnico per una startup di sicurezza dei container.
 
In chiusura, Gene De Libero (@GeneDeLibero), Chief Strategy Officer di Geekhive, ha detto che l'automazione e l'AI sono state una sfida da implementare e scalare per molte organizzazioni. Per migliorare la resilienza del business utilizzando l'automazione e l'IA, ha detto che le organizzazioni devono iniziare in piccolo, definire i problemi di business specifici da risolvere, e pianificare la scalabilità, e ha citato l'assistenza sanitaria come esempio.
 
"L'automazione e l'IA possono migliorare la telemedicina esaminando le cartelle dei pazienti e altri dati per fare raccomandazioni di trattamento specifiche per quel paziente per ottimizzare la cura del paziente basata sul valore, massimizzando l'efficienza per il fornitore", ha detto. "Con l'evoluzione delle capacità organizzative di AI e di automazione, i pazienti potrebbero avere un accesso trasparente alle loro storie mediche, alle informazioni di fatturazione, alla programmazione degli appuntamenti e ai promemoria, migliorando l'esperienza del paziente e riducendo i costi amministrativi".
 

IT'S EASY

Cerchi una soluzione tecnologica per rispondere ad un bisogno della Tua Azienda?

Contattaci! Saremo lieti di progettarla assieme a Te.