7 miti da sfatare sulla sicurezza informatica


7 miti da sfatare sulla sicurezza informatica

Ultimamente il termine "sicurezza informatica" è stato messo in discussione. Ma anche se la sicurezza informatica è stata vista come una grazia di salvezza per i dispositivi mobili, i computer, ecc. l'argomento è ancora avvolto da un'idea sbagliata. 
 
Tuttavia, come una parte dice una cosa, mentre l'altra la contesta, è facile farsi prendere dal credere alle cose sbagliate. In realtà, molte persone sbagliano tutto. Quindi, per capire la verità sulla sicurezza informatica, date un'occhiata a questa guida rapida, che tratterà sette miti sfatati sull'argomento:
 
 

1. "La sicurezza fisica e la sicurezza informatica sono due cose diverse".

"La verità è che la sicurezza fisica non è separata dalla sicurezza informatica", dice Angela Macquarie, una scrittrice d'affari di Academized e Oxessays. "Entrambe possono aiutare a salvaguardare le macchine e i documenti cartacei. E, mentre entrambi possono funzionare sia online che offline, le cose che proteggono contengono dati sensibili, che possono essere a rischio di essere esposti se il proprietario o il detentore non è attento".
 
 

2. "Avere una buona password ti protegge".

Quando si tratta di password, si può lasciare tutto al caso. E anche se le password deboli sono ancora comuni, è difficile immaginare che molte persone usino password come "123456" o "qwerty", soprattutto dopo essere state avvertite di non farlo. Pertanto, è imperativo complicare le proprie password - rendere difficile per altre persone capirlo. E, aggiornate sempre le vostre password, in modo da poter essere sempre un passo avanti ai criminali informatici.
 
 

3. "I criminali informatici attaccano solo le grandi imprese".

Sbagliato. I criminali informatici perseguiranno qualsiasi tipo di impresa, grande o piccola che sia. Poiché i ladri informatici non fanno discriminazioni, è importante mantenere i dispositivi e i dati al sicuro con un quadro di sicurezza informatica efficace, indipendentemente dalle dimensioni di un'azienda.
 
 
 

4. "L'assicurazione coprirà le violazioni della sicurezza informatica".

 
Sbagliato di nuovo. In realtà, la maggior parte delle polizze assicurative non coprono le imprese in caso di violazione dei dati. Mentre alcune polizze potrebbero coprire le perdite finanziarie che ne sono derivate, la maggior parte delle polizze non lo farà.
 
Quindi, quando cercate un'assicurazione per le aziende, assicuratevi che le polizze siano in grado di risarcirvi ogni volta che si verifica la temuta violazione in qualsiasi momento. Oppure, potete acquistare separatamente l'assicurazione e la cybersecurity. L'acquisto di un'assicurazione cibernetica e dati varrà l'investimento se state cercando di proteggere i dati dei clienti e/o i dati sensibili dalle infiltrazioni.
 
 
 

5. "Il team IT vi copre".

 
Pensate che i team IT possano salvare la vostra azienda, ogni volta che si verificano delle violazioni dei dati? Ripensateci!
 
Anche se il personale IT sarà molto probabilmente a conoscenza di potenziali vulnerabilità e tecniche di hacker, non può ancora controllare tutti gli elementi coinvolti. Il vostro personale IT, invece, agirà solo come un firewall umano per prevenire le violazioni che derivano da errori umani. Pertanto, fate in modo che il vostro compito sia quello di aggiungere altri livelli di protezione, oltre al vostro team IT.
 
 
 

6. "La sicurezza informatica è costosa".

 
"Quando le persone pensano alla sicurezza informatica, pensano che investire in essa costerà centinaia, o migliaia, di dollari", dice Sheila Flynn, una blogger di marketing di Boom Essays and Paper Fellows. "Tuttavia, avere un forte firewall umano per difendersi dalla criminalità informatica è del tutto gratuito - a parte la creazione di una politica di sicurezza IT e la formazione del personale". Gli investimenti possono andare molto lontano, perché la sicurezza informatica porterà grandi benefici alla vostra azienda".
 
Per questo motivo, prendete in considerazione la possibilità di consultare un esperto di cybersecurity, oppure cercate una formazione e una consulenza completa da parte di esperti di cybersecurity, per aiutarvi a mettere insieme un sistema efficace che protegga tutti i vostri dispositivi e i vostri dati.
 
 
 

7. "I virus colpiscono solo i PC".

 
Con la continua evoluzione della tecnologia - soprattutto con gli smartphone e i tablet più avanzati che funzionano quasi alla stessa capacità dei computer - i virus non sono solo una cosa da computer. Infatti, smartphone, tablet e altri dispositivi mobili possono cadere vittime del malware, se l'utente non ha una protezione sufficiente. E anche se è bastato l'accesso a Internet per far arrivare il malware ai computer, gli altri dispositivi che si collegano a Internet sono comunque altrettanto vulnerabili ai virus.
 
Conclusione
Mentre leggete questi sette miti sfatati, ci auguriamo che abbiate una migliore comprensione della sicurezza informatica. L'obiettivo finale di questa guida è quello di tenere voi - l'utente del dispositivo - informato. Imparando come funzionano i criminali informatici e scoprendo la verità sui miti sfatati di oggi, imparerete dagli errori che potreste commettere ora con i vostri dispositivi, e li correggerete subito.

IT'S EASY

Cerchi una soluzione tecnologica per rispondere ad un bisogno della Tua Azienda?

Contattaci! Saremo lieti di progettarla assieme a Te.